Kalavrita

Kalavrita si trova nella regione della Acaia, una zona montuosa e molto verde del Peloponneso. Se cerchi una meta fuori da quelle tradizionali, di sicuro questa è Kalavrita. Qui, troverai il centro sci migliore della Grecia. La cittadina è tristemente nota per il “massacro di kalavrita”, per mano dei nazisti, ma può essere una base carina per esplorare i dintorni ed andare alla scoperta di una zona poco turistica e molto inesplorata.

Kalavrita da non perdere

Cosa vedere a Kalavrita

Il monastero di Agia Lavra è un paio di miglia fuori città, sul lato di una montagna coperta di pini. Fu qui che il vescovo Germanos di Patrasso sollevò la prima bandiera della libertà quando i Greci si ribellarono contro i Turchi nel marzo del 1821. Un tempo il monastero ospitava 1000 monaci. È stato bruciato tre volte. Due volte dai Turchi nel 1585 e nel 1827. Fu nuovamente bruciato nel 1943 dai tedeschi che uccisero i quattro monaci e il guardiano che erano troppo vecchi per fuggire nelle montagne insieme ai monaci più giovani. L’esecuzione è avvenuta sotto lo stesso albero di Platanos, dove prima era stata issata la bandiera dell’indipendenza.

Una strada su un’altra montagna è il monumento che commemora gli eroi della Guerra per l’indipendenza. È un’enorme statua con tre figure giganti: il prete, che simboleggia il vescovo Germanos e il ruolo della chiesa, una ciarlatana, uno dei combattenti per la libertà, e in cima c’è una statua di una donna che simboleggia la liberazione della Grecia dalle sue catene. Da questa montagna c’è una vista spettacolare di tutta la valle che è circondata da montagne coperte di pini.

Dove mangiare a Kalavrita

To Spiti tis Marios è un ristorante in stile gourmet ma con piatti tradizionali in stile ateniese o di un hotel di lusso. Per niente pretenzioso, molte persone che mangiano qui affermano che è il miglior ristorante in Grecia. Gli ateniesi effettivamente guidano fin qui per gustare la sua cucina. 
Se vuoi mangiare in città con i locali, la Varvitsiotis Taverna al Paleon Patron Germanou 28 a Kalavrita è una taverna di carne a conduzione familiare molto buona, con prezzi ottimi e un buon servizio anche se può essere affollata durante il giorno e la sera durante la stagione turistica. Cibo semplice, come dovrebbe essere il cibo greco. Ordina paidakia (costolette di agnello) e loukaniko kapnisto (salsiccia affumicata) oppure la grigliata mista.
Oinomagerevo al Paleon Patron Germanou 15, è un altro ristorante a conduzione familiare che serve cucina casalinga con carni e verdure provenienti dalla fattoria di famiglia.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Kalavrita

Kalavrita è sempre stata conosciuta per la sua bellezza e per la nascita della libertà qui nel 1821. I tedeschi che volevano distruggere la resistenza ma non furono in grado di catturare o uccidere molti dei suoi membri decisero di sfogare la loro frustrazione sulla popolazione civile. Quando alcuni soldati tedeschi che incontrarono un contingente della resistenza greca furono fatti prigionieri e poi giustiziati, i nazisti frustrati decisero di portarlo fuori nella città di Kalavrita e nei villaggi circostanti. Hanno ucciso e bruciato tutto, inclusi monasteri, preti, pastori, donne e bambini. Quando arrivarono a Kalavrita, ascoltarono gli abitanti del villaggio che dissero loro che i partigiani erano spariti e che gli abitanti del villaggio volevano solo vivere in pace. Poi radunarono tutti gli uomini e i ragazzi e li portarono al campo di Kapis e li fecero sorvegliare mentre bruciavano la casa di città per casa. Poi hanno aperto il fuoco con mitragliatrici. Quando gli spari cessarono, fecero un giro e spararono a chiunque fosse ancora vivo. Alcuni sono sfuggiti alla morte, ma pochi incolumi e i resoconti dei testimoni oculari del libro Il dramma di Kalavrita sono ossessionanti.
Le vedove di Kalavrita, le donne ed i bambini furono rinchiusi nella scuola dove hanno visto il loro villaggio bruciare intorno a loro. Se non fosse stato per un soldato tedesco che ha disobbedito agli ordini e ha sbloccato la porta permettendo loro di scappare forse anche loro sarebbero morti. Il soldato non è mai tornato a casa. Le donne cercarono gli uomini. Alcuni hanno detto che sono stati messi in vagoni e portati via da un treno. Alcuni hanno detto di aver sentito che furono rinchiusi da qualche parte. Non è stato fino al tardo pomeriggio che li trovarono nel campo di Kapis. A quel punto i tedeschi erano fuggiti.

Matt Barrett a Kalavrita

“Quando i turchi vennero per la prima volta in Grecia e conquistarono il Peloponneso, la gente di Kalavrita andò in Italia e fondò la città della Calabria” mi informò George. È fantastico, pensai, perché c’era un giocatore di pallacanestro italo-americano in Carolina, Dante Calabria, che ora gioca in Italia. Se George avesse ragione, significa che Dante Calabria è greco!
Da Agia Lavra tornammo a Kalavrita e seguimmo la strada verso il memoriale dove erano stati giustiziati gli abitanti del villaggio. C’è una grande croce bianca sulla cima della collina che domina la città e massicci monumenti di pietra che elencano i nomi dei morti e delle loro età e raccontano la storia del massacro in quello che allora era conosciuto come il campo di Kapis.
Le pietre bianche scandiscono le parole “Pace” e “Mai più la guerra”.

Foto di Kalavrita

Come arrivare a Kalavrita

Ci sono treni frequenti da Patrasso e Atene a Diakofto. Il viaggio da Atene dura circa 3 ore. Il treno per Kalavrita lascia Diakofto alle 8:48 e alle 11:25 e nel pomeriggio alle 1:30, 3:27, 5:19 e 7:10. 

La mappa di Kalavrita

La Mappa di Kalavrita

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.