Leonidio
Leonidio


Incastonata tra le sue rocce rossastre, Leonidio è un vero e proprio paradiso per gli amanti del trekking e del climbing
Prenota Leonidio su Booking.com

Leonidio è situata sulla costa orientale del Peloponneso, in una valle ai piedi del Monte Parnon. Proprio dietro l’abitato svetta la parete di calcare rossastra di 250 metri, che sta rendendo Leonidio il paradiso per gli amanti delle arrampicate.
La particolarissima conformazione rocciosa, con più di 200 falesie nelle colloine circostatnti, e lo sperone che la difende dal maltempo, stanno rendendo Leonidio uno dei posti favoriti in Europa per gli amanti del climbing.

Maggiori informazioni su Leonidio

Leonidio era un posto magico per me quando ero bambino. Forse perchè lo associavo a Leonida e ai suoi 300 spartani alle Termopili. Ricordo di essere stato nel villaggio di mia nonna di Kyparissi, sulla costa di Lakonia, nel sud-est del Peloponeso, e il cugino di mio padre Panayotis ci indicò la nuova strada che stavano costruendo a Leonidio, che avrebbe collegato Kyparissi al resto del mondo. Allora l’unico modo per arrivare a Kyparissi era il traghetto che arrivava una volta alla settimana. La nuova strada avrebbe portato prosperità, turismo e persino elettricità al villaggio. Cinquant’anni dopo la strada è ancora incompiuta. Il lato di Lakonia è stato costruito dagli anni sessanta, ma si è fermato proprio al confine con Arkadia, sul lato di una montagna che si affaccia sul mare di Myrtoo. La strada costruita dagli Arkadiani termina a diverse miglia di distanza, sopra la città di Poulithra, un paio di miglia a sud di Leonidio. I Kyparissioti dicono che in origine gli Arkadiani erano molto entusiasti della strada. Ma quando hanno visto quanto era bella Kyparissi, si sono spaventati che avrebbero perso i pochi turisti che avevano… quindi hanno rimandato e ritardato i lavori, e un giorno hanno semplicemente smesso di lavorare sulla strada,fino a che tutti non se ne sono semplicemente dimenticati. Per questo motivo oggi Kyparissi è totalmente incontaminato e Leonidio è, beh, praticamente anche non contaminato.

Leonidio da non perdere

• La strada da Kosmas a Leonidio
• Il villaggio di Kosmas

Cosa vedere a Leonidio

La posizione di Leonidio è impressionante. La città è infatti situata alla fine della gola di Dafnon, una lunga fessura stretta che segue il fiume Dafnon attraverso le montagne. Leonidio si estende lungo l’ampio letto del fiume, un labirinto di stradine e case. La città è il centro economico di questa parte di Arcadia, con banche, negozi, ristoranti e numerosi piccoli alberghi in case storiche.

Plaka è il piccolo porto di Leonidio, con barche da pesca, alcuni yacht e barche a vela che passano per la notte sulla loro strada verso nord o sud, e diverse taverne di pesce e caffè. La spiaggia che è conosciuta come Plaka inizia al porto ed è a forma di mezzaluna e relativamente protetta. A nord del porto si trova Lako Beach che si affaccia sull’isola di Spetses e sul mare aperto, e può avere buone onde, come molte delle spiagge di questa costa. Entrambe le spiagge hanno caffè e snack bar e sono state premiate con le bandiere blu per essere tra le spiagge più pulite della Grecia.

Continua a leggere

Leonidio è stato l’ambientazione per il film Arkadia Lost, con Nick Nolte e prodotto da Phedon Papamichael che ha fatto anche Sideways, uno dei miei film preferiti. Si tratta di due adolescenti americani i cui genitori muoiono durante una vacanza in Grecia e girovagano per la campagna dove si imbattono in Nick Nolte che interpreta questo backpacker veterano brizzolato, qualcuno come Paul Hellander della Lonely Planet, se lo hai lasciato nel deserto per vent’anni. Il film presenta anche Renos Haralambides, il mio attore-regista greco preferito. Quando hanno filmato il film, l’equipaggio ha occupato la città e c’erano dozzine di diciotto ruote con tonnellate di equipaggiamento parcheggiate nel letto del fiume. E ‘stata una bella volta essere lì con Nole, Renos e gli altri che si divertono nelle taverne fino a tarda notte. Parlando di ristoranti e taverne, ce ne sono molti, ed essendo un’area che non è totalmente dedicata al turismo, le tue possibilità di trovare una bella senza il mio consiglio sono buone. Il Delfino è una famosa taverna di pesce nel porto.Myrtoon è un ristorante di pesce sulla spiaggia vicino a Poulithra. Entrambi ottengono ottime recensioni su Tripadvisor anche se non ho provato neanche. Prova Oneiro nella città di Leonidio, un ristorante pieno di oggetti d’antiquariato specializzato in piatti a base di melanzane. Ma questa è solo una piccola parte di ciò che fanno, anche se non ami le melanzane troverai qualcosa che ti piace.
Forse un modo migliore per avvicinarsi a Leonidio è venire dal sud-ovest del Peloponneso e fermarsi a Kosmas. È un magnifico villaggio di montagna con caffetterie in una grande platea ombreggiata da alberi accanto alla grande chiesa di Ag Anargiron con una fontana di teste di leone che sputano acqua. Ci sono castagni dappertutto, e all’inizio della loro caduta le loro foglie cambiano di giallo brillante e nella piazza e nei piccoli negozi tradizionali ci sono grandi cesti di castagne in vendita. Sosta al piccolo ristorante tradizionale chiamato O Elatos dove due donne e i loro mariti tirano fuori piatti di paidakia alla griglia (cotolette), hirino brizoles (braciole di maiale), mouschari (bistecca), sikotaria (fegato) e altri piatti a base di carne. Ma le specialità del villaggio sono yida, una zuppa di capra che viene mangiata in inverno, gkougkes, che è una pasta locale densa con formaggio, e pitaroudia, l’horta locale o torta di spinaci che viene fritto, grigliato o saltato al posto del forno. Hanno un’eccellente rosa locale, più abbronzata che rosa e quasi simile allo sherry. Non importa quanto possa essere caldo in estate, puoi andare a Kosmas e essere bello. Se venite qui in primavera o in autunno portate un maglione e se venite in inverno magari con le ciaspole.

La strada da Kosmas a Leonidio è una delle più spettacolari della Grecia. Si inizia in montagna e poi si scende attraverso la gola e il fiume Dafnon, che in estate è un fiume asciutto di pietre bianche, ma in inverno e in primavera deve essere abbastanza pieno d’acqua se non un fiume impetuoso di rapide. Lungo la strada si trova il Monastero di Panagia Elona costruito sul fianco di una rupe di roccia e nelle vicinanze si trova la Grotta di Sintza dove la leggenda narra che Ino di Tebe, cresciuto il nipote Dioniso e per questo motivo la zona è conosciuta come il Giardino di Dionysios, il dio del vino. Ci sono percorsi escursionistici nella gola e un sentiero per il monastero, anche se, se sei come me, probabilmente vorrai guidare fino ad esso, il che è possibile e accettabile. Il monastero è ancora in uso. Ci sono un paio di deviazioni verso villaggi remoti come Paleohora, Platanaki, Ag Vasilios, Gagani, Socha e Vaskina, luoghi che vedono pochi turisti se in genere si può trovare un posto decente per mangiare nella piazza principale. Se continui attraverso la gola diventa sempre più largo e alla fine ti ritroverai in una grande pianura fertile dove la città di Leonidio si trova sul lato del Monte Karkovouni all’ingresso della gola.

Se continui a sud da Leonidio a poche miglia lungo la costa fino a Poulithra, l’antica città di Polichne come menzionata dallo storico Pausania, troverai una lunga spiaggia di ciottoli e un mare bellissimo, numerose taverne di pesce e una manciata di alberghi e camere per affitto a pochi passi dal mare. Probabilmente a luglio e ad agosto sarà difficile trovare un alloggio senza prenotazione in anticipo, ma i giorni feriali di giugno o settembre non dovresti avere problemi se ti presenti. Tutta la costa da qui a Leonidio è spettacolare con le montagne di Parnon che scendono verso il mare, le spiagge di pietra liscia, e il più bel colore blu e l’acqua più pulita che ho visto in Grecia, eccellente per lo snorkeling o semplicemente ad ammirare lo spettacolare scenario . Se guardi le montagne puoi vedere alcuni piccoli villaggi e anche dove la strada per Kyparissi si ferma all’improvviso, ponendo fine ai sogni di quel villaggio di diventare una Mecca del turismo e facendo di Poulithra l’ultima fermata sulla strada costiera.

Dove Mangiare a Leonidio

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Leonidio

Come abbiamo detto, Leonidio è negli ultimi anni diventata il paradiso degli amanti del climbing. La storia dell’arrampicata a Leonidio è iniziata nel 1987, con l’apertura della mitica via ‘Pillar of Fire’. La falesia Elona è stata chiodata nel 2008, per poi proseguire con l’attrezzatura di altre zone.
Storia ed Info su Leonidio

Dove Dormire a Leonidio

Hotel, appartamenti, ville, camere e alloggi su misura per te a Leonidio

Foto di Leonidio

Come Arrivare a  Leonidio

Ci sono due modi per arrivare a Leonidio. Il più facile è scendere la costa dall’Argolide. Quando veniamo o ritorniamo in questo modo, lo usiamo come scusa per trascorrere una notte a Napflio che, nonostante sia la città più turistica del Peloponneso, è anche una delle più belle. Dopo una settimana o due nel Peloponneso sudorientale, andare a Nafplion per una notte o due è come andare da Folegandros a Mykonos. Mentre andate a sud da Argos lungo la costa, passate diverse città costiere con case estive, appartamenti e alberghi, che sono per lo più popolari con i greci e praticamente sconosciuti ai turisti che credono che le migliori spiagge della Grecia siano tutte a Mykonos e Santorini. Non era tanto tempo fa il delfino d’estate del delfino dal Pireo, dopo aver lasciato Hydra e Spetses, continuò su Paralio Astros, Paralia Tirou, Plaka, (il porto di Leonidio) Kyparissi, Gerakas e fino a Monemvasia e se ricordo bene a volte a Neapolis e all’isola di Kithira. Il delfino volante al Peloponessos è stato interrotto in quanto sempre più persone hanno acquistato auto e le strade sono state migliorate. È possibile vedere l’impatto sulle città costiere, ma più si guida il minor sviluppo possibile. Quando arrivi a Leonidio ti ritrovi in un’area più agricola che turistica e meglio è. Se parli greco ma hai problemi a capire cosa ti viene detto, c’è una buona ragione. Parlano un dialetto chiamato Tsakonika.

Maggiori informazioni
Se hai intenzione di noleggiare un’auto e guidare da Atene a Nafplio, dai un’occhiata a Swift Rent-a-Car. Verranno a prenderti all’aeroporto o al tuo hotel e ti condurranno alla strada nazionale e ti faranno sorpassare il famigerato traffico di Atene. Ci sono autobus ogni ora dalla stazione degli autobus di Atene Kiffisou. È possibile ottenere informazioni su prezzi e orari dalla Organizzazione Nazionale Turistica Greca su Dionysiou Areopagitou Street ad Atene proprio in fondo alla strada dal Museo dell’Acropoli o si possono anche trovare orari qui. Il viaggio in autobus in Grecia è molto economico. Capitano Aris, NafplioCaptain Aris fa gite in barca intorno alla zona sul Erato 42 piedi situato nel porto a destra da Piazza Filleninon. E-mail Capt Aris Ci sono diverse crociere che fermano a Nauplia ed è anche un porto popolare per barche a vela e yacht. Non esiste più un aliscafo Flying Dolphin in estate dal Pireo, ma puoi effettuare collegamenti da e per Hydra, Spetses, Aegina e Poros attraverso Hermioni, Porto Heli, Galata (Poros), Kosta (Spetses) e Methena, pur ottenendo da questi i posti in autobus possono essere complicati. Puoi sempre noleggiare un taxi. È possibile noleggiare biciclette a Nafplio ed esplorare la città e le aree circostanti che sono sostanzialmente piane. Hanno un programma di noleggio di biciclette simile al programma Velib a Parigi, inoltre ci sono diversi posti dove noleggiare biciclette come Nafplio Bike al numero 2 di Cyprus Street. Puoi scegliere di vedere Naplion come parte di una gita di un giorno con il tassista più famoso di Athen, George Kokkotos. Sono stato in grado di visitare Acrocorinto, l’antica Corinto, Nauplia, Miceneo, Argo ed Epidauro in un solo giorno. Per maggiori informazioni vedi www.greecetravel.com/taxi Puoi noleggiare un’auto e usare Nafplio o Tolon come base per vedere l’Argolide e il resto del Peloponneso.

La Mappa di Leonidio

Recensioni su Leonidio