Amorgos

Amorgos è una tranquilla isola tradizionale nel cuore dell’Egeo, la più orientale di tutte le Cicladi. Sull’isola, nel 1987, è stata girata la prima parte del film “Le grand bleu” di Luc Besson, e questo continua ad attirare un maggior numero di francesi rispetto alle altre isole delle Cicladi. L’isola di Amorgos rimane in un angolo delle Cicladi, e dell’arcipelago ne è l’essenza: nella sua cultura, nel suo paesaggio, nella sua musica tradizionale.
Un’isola che rappresenta le Cicladi in profondità.

Amorgos da non perdere

Cosa vedere ad Amorgos

L’isola di Amorgos ha due porti, Katapola a sud-ovest e Aegiáli a nord-est, alle estremità opposte dell’isola. Il capoluogo è Chora, un villaggio di 500 abitanti sulla cima della collina. Il villaggio è raggiungibile attraverso una strada lunga e tortuosa, 7 km di salita o con una più piacevole passeggiata di un’ora lungo il sentiero n. 2, Photodotis. Nel villaggio non si può entrare con la macchina, ma c’è fuori un parcheggio dove poterla lasciare. La Chora di Amorgos conserva un fascino tutto particolare. L’architettura è quella tipica delle Cicladi ed è rimasta praticamente intatta, con archi, cupole, stele antiche lavorate, scalinate con caffè alla moda e il costante gemito del vento. Sembra che le chiese della cittadina siano circa 40. Il villaggio, situato a 400 metri di altezza, è dominato da uno sperone di roccia e dal suo kastro veneziano. La musica tradizionale di Amorgos, fatta di violini e liuti, fa da colonna sonora a questo incantevole scenario. 

Il Monastero di Hozoviotissa

L’attrazione di Amorgos, il Monastero di Hozoviotissa, è raggiungibile con una camminata di circa 20 minuti dalla Chora: una chiesa arroccata nella montagna a strapiombo sul mare. Un luogo unico al mondo che ha impressionato anche il famosissimo architetto francese Le Corbusier. Originariamente costruito per ospitare trenta monaci, oggi ci abitano solo tre preti. 
Le terrazze del monastero offrono una vista mozzafiato e riuscirai a vedere anche le isole di Astipalea ed Anafi. La ricorrenza più importante è il 21 Novembre quando il Monastero diventa la meta di pellegrini provenienti da tutte le isole vicine. Un altro momento per visitare il Monastero è nelle festività di Pasqua, quando avviene la processione per riportare l’icona da Potamos a Hozoviotissa seguendo il sentiero Palia Strata, uno dei più belli di tutta Amorgos.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Amorgos

L’isola di Amorgos durante il periodo cicladico ospitava più di dieci centri abitati, dotati di acropoli e piazze e palazzi, e necropoli. I ritrovamenti, soprattutto statuette, scoperti in diversi cimiteri testimoniano l’importanza dell’isola in quel periodo. Successivamente, nel periodo arcaico, l’isola aveva ben tre polis indipendenti, ognuna con le proprie leggi e che usavano la stessa moneta. Di queste tre città Egiali, Minoa e Arcesine, troviamo ancora oggi resti sparsi in tutta l’isola, soprattutto le forti mura di quest’ultima, le torri, le tombe, vasi ed iscrizioni.
In età classica l’isola era famosa per la produzione di vesti di lino del tipico colore rosso, colore derivanti dal materiale utilizzati, i licheni presenti sull’isola. In età romana ‘isola ospitava esuli e confinati politici, per poi essere occupata dai pirati in epoca medievale. L’isola rimase deserta fino all’anno mille, fino alla fondazione del monastero di Panagia Hozoviotissa.

Foto di Amorgos

Come arrivare a Amorgos

Amorgos non ha aeroporto. Dal Pireo, i Blue Star Ferries non sono giornalieri, con partenza di solito alle nel tardo pomeriggio, via Paros, Naxos, di solito Syros, e Naxos o Amorgos. L’arrivo è in genere nel primo pomeriggio a Katapola o Egiali. La stessa barca continua per Astypalea per poi continuare per il Dodecaneso.
Il traghetto da Amorgos per il Pireo è in genere alla mattina presto; ma c’è anche il servizio del piccolo Skopelitis Express, che parte sempre di mattina presto da Egiali o Katapola a giorni alterni e passa diverse isole prima di raggiungere Naxos verso le 11.30am. Quindi parte alle 15:00 in direzione inversa, raggiungendo Amorgos verso sera.
Ci sono anche alcuni viaggi occasionali settimanali su traghetti convenzionali che fanno base su Syros, e solo in alta stagione, un traghetto ad alta velocità o catamarano dal Pireo o Rafina al mattino, arrivano nel primo pomeriggio a Katapola e ritornano immediatamente.
Ci sono alcuni posti per il noleggio di auto e scooter in Egiali e Katapola, ma ricorda che Amorgos è un’isola per escursionisti. L’unico servizio di autobus semi-utile collega Katapola, Chora e Hozoviotissa. I taxi sono pochi, molto richiesti e costosi come ovunque in Grecia.

La mappa di Amorgos

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.