Andros


L'isola più verde delle Cicladi, Andros ha una natura rigogliosa
Prenota Andros su Booking.com

Con le sue ampie vallate e la rigogliosa vegetazione, l’isola di Andros è la più verde delle isole CicladiMeravigliose spiagge, natura esuberante, graziosi villaggi, musei, storia, taverne sul mare. .l’isola ha tutti i criteri per essere nella lista dei luoghi migliori per trascorrere l’estate, e quasi tutto quello di cui un posto ha bisogno per attirare turisti, stranieri o locali.

Maggiori informazioni su Andros

Andros è un’isola molto verde ed “anomala” rispetto alle altre isole delle Cicladi: infatti è ricca di acqua, tanto che qui viene imbottigliata l’acqua minerale Sariza, naturale e frizzante. Persino l’entroterra e la zona nord-occidentale sono ricchi di ruscelli. Ramoscelli di oleandri rosa scendono dolcemente lungo i fianchi delle montagne e lungo le vallate, che rimangono color smeraldo anche in estate. A Paleopoli, a est di Batsi, un ruscello attraversa il villaggio, e la vegetazione è esuberante. Non c’è dubbio che questo fosse il motivo per cui gli antichi scelsero questo luogo per la loro capitale dal periodo classico ai primi Bizantini. L’isola è abitata ed è abitata da numerosi armatori.

Andros da non perdere

• Le mostre estive al Goulandris Modern Art Museum

Cosa vedere a Andros

Andros Town o Hora, dove vivono le persone legate al mondo del mare e delle barche, dove gli uomini vanno e vengono da Londra, New York ecc., si trova sulla costa nord-orientale, a circa un’ora di distanza dal porto, Gavrio. La parte principale di Hora è pedonale. Vedrai una città che è cambiata poco dagli inizi del XX secolo. Case signorili neoclassiche, alcune trasformate in istituzioni culturali o filantropiche: la Biblioteca Kairis con il suo archivio, la Galleria d’Arte di Kydoniev con una mostra estiva annuale dedicata a un’artista greca d’avanguardia, l’Embirikion Old-Age Home.
Ma data la sua storia, Hora è sorprendentemente “low key”.
Da non perdere il Museo Archeologico e il Museo di Arte Moderna, entrambi regali di Basilio ed Elisa Goulandris nei primi anni ’80. Il primo, proprio sulla piazza, ha un paio di statue memorabili e modelli degli edifici pre-classici.

Continua a leggere

Ma ciò che ha davvero di importante Andros a livello nazionale è la mostra estiva annuale ospitata dal Goulandris Modern Art Museum. Per più di due decenni i visitatori si sono radunati sull’isola per vedere le opere dei più grandi nomi dell’arte del XX secolo: Matisse, Picasso, Rodin, Braque, Klee, Miro, Moore, Giacometti, Toulouse-Lautrec, Dali, solo per citare qualche nome. 
Dall’altra parte della strada, un altro edificio ospita una collezione permanente di scultura greca contemporanea.
Sono due le spiagge di Hora, Paraporti e Nimborio (la seconda meno attraente ma più popolare). Se entri nella vecchia Hora, stretta su una penisola, le case e i vicoli sembrano più tipicamente cicladici. Se la esplorerai però vedrai che è tutto un susseguirsi di case signorili, ville con giardini e targhe veneziane o bizantine incastonate nelle loro mura, chiese nascoste. Interessante la statua del Marinaio Sconosciuto, che si erge in una grande piazza, guardando verso il mare e la fortezza veneziana del XIII secolo che fungeva da difesa da turchi e pirati. La gigantesca statua di uno scultore locale, Mihalis Tombras, potrebbe essere emersa dalla scuola di propaganda patriottica incoraggiata dall’URSS. Le rovine del forte sorgono sull’isolotto, collegato al promontorio da un ponte ad arco dello stesso periodo. Il forte fu distrutto nel 1943 quando i nazisti bombardarono il porto. I bambini amano tuffarsi da questi scogli, quando il tempo è calmo.
Batsi è un bel paesino sul mare con un porto, una spiaggia carina e un certo numero di hotel. Un sacco di attività ed alcuni ottimi ristoranti, in particolare nei piccoli villaggi tradizionali sulle colline.
Se sei un tipo che ama la natura e andare in esplorazione in jeep o a piedi, Andros potrebbe essere il luogo dei tuoi sogni. Le spiagge che attirano l’attenzione si aprono sulla costa settentrionale – Zorkos, Vitali, Vori (menzionate da un recente sondaggio come le migliori dell’isola) e Ahla. Non tutti i sentieri sono segnalati in maniera precisa, quindi preparatevi a perdervi, e assicuratevi di avere un serbatoio pieno di gas e qualcosa da mangiare per gli ultimi due siti, che sono ancora senza taverna.Ci sono sentieri che ti portano fino a monasteri millenari o un castello modellato dal vento e fiumi fiancheggiati da mulini, usati una volta per macinare il grano.
Se si procede verso la baia di Korthi – una zona con graziosi villaggi e una “città” balneare in crescita che ospita gare occasionali di windsurf. La sua attrazione più famosa è Grias to Pidima beach, dove la leggenda narra che una vecchia signora saltò giù dalla roccia fallica che spunta bruscamente dalla sabbia.
Non perdete Moni Panachrantos, un monastero simile a una fortezza costruito nel 960. L’Andros bizantino era infatti un luogo tranquillo, e la sua situazione favorì sia una fiorente produzione di seta sia una brillante scuola di filosofia, oltre alla nascita di ricchi monasteri. Ora, per quanto bello e ben dotato, Panachrantos è ormai abitato da un solo monaco, ma riceve molti pellegrini e turisti. Se fai una passeggiata in inverno, l’abate potrebbe anche cucinare per te un piatto di spaghetti!

Dove Mangiare ad Andros

Non perdete l’occasione di assaggiare i piatti tipici dell’isola di Andros, come i Fourtalia, il piatto tipico piatti a base di salsicce, o i saporiti formaggi locali come l’Armexia, il Volaki e il Petroti.
Non andartene prima di aver assaggiato il Labriatis, l’agnello stufato e arrostito in un forno tradizionale.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Andros

Cari, Fenici e Cretesi occuparono l’isola anticamente. Nel quinto secolo Avanti Cristo, fu la volta dei Persiani. Andros si legò a Sparta. Nel quarto secolo l’isola è stata governata dai Macedoni e dopo di loro dai Romani. Sotto i Veneziani Andros passò un periodo di ricchezza. Nel 1537 l’isola fu occupata dai Turchi, guidati dal generale Barbarossa. Andros ha combattuto aspramente durante nella Guerra di Indipendenza scoppiata nel 1821, ed è stata liberata nove anni più tardi. Nel 1943 l’isola fu duramente bombardata dai Tedeschi. 

Storia ed Info su Andros

Dove Dormire ad Andros

Hotel, appartamenti, ville, camere e alloggi su misura per te sull’isola di Andros.

Foto di Andros

Come Arrivare a Andros

I traghetti per Andros non partono da Atene, ma da Rafina ed arrivano al porto di Gavrio.
Grazie al servizio degli autobus, Rafina è facilmente raggiungibile da Atene con il servizio autobus KTEL
L’isola di Andros è ben collegata giornalmente con le isole di Tinos e Mykonos e, anche se meno di frequente, con l’isola di Siros.

Maggiori informazioni

La Mappa di Andros

Recensioni sull’isola di Andros