Kea

Kea, anche conosciuta come Tzia, è una tranquilla isola tradizionale, vicina ad Atene. Il traghetto per Kea parte da Lavrion anziché dal Pireo, quindi Kea viene trascurata dagli itinerari usuali, nonostante sia una delle isole delle Cicladi più vicina ad Atene.
 Kea è un’isola interessante e con una lunga storia ed è molto frequentata dagli Ateniesi, molti dei quali qui hanno case estive e ci vengono per i fine settimana. Il villaggio di Loulida è un fantastico labirinto di case bianche, tipiche delle Cicladi, arroccato sul fianco di una montagna, con una piccola piazza principale. Bellissime spiagge, molte delle quali raggiungibili con escursioni a piedi, attraverso splendidi scenari. Visto che l’isola è molto frequentata dagli ateniesi, qui è possibile trovare ottimi ristoranti. La maggior parte degli stranieri viene qui in barca a vela e si ferma nel piccolo porto di Vourkari, con le sue taverne di pesce, bar e caffè. Kea è conosciuta per la sua rete di strade antichissime, ancora in gran parte intatta, e che la rende un paradiso per gli escursionisti. L’antica città di Karthea è raggiungibile in barca o a piedi.

Kea da non perdere

Cosa vedere a Kea

Kea è un’isola ricchissima sia a livello naturalistico che storico, e veramente piena di cose da fare: spiagge bellissime, villaggi storici e musei, sentieri trekking. Alcune delle sue spiagge sono considerate le migliori in Grecia per chi ama fare immersioni. Arriverete a Korissia, nota anche come Livadi, con la sua lunga spiaggia sabbiosa. Adagiata su una splendida baia, Korissia è un’oasi di relax. Nel villaggio ci sono un paio di supermercati ben forniti, diversi ristoranti, caffè, bar e qualche hotel, e negozietti. Da qui hai la possibilità di spostarti a Syros, grazie ai traghetti. Sopra il porto, sulla collina di Agia Triada, si trovano le rovine dell’antica acropoli e quello che si pensa sia un tempio arcaico dedicato ad Apollo. La statua conosciuta come Kouros di Kea nel Museo Nazionale di Atene è stata trovata qui. Da qui puoi anche prendere l’autobus per Loulis (o Hora come la chiamano i locali).

Kea antica karthea 3

Antica Karthea, Kea

Il Santo Graal per gli escursionisti che visitano Kea è l’antica città di Karthea, nota anche come Poles, sulla costa sud-orientale dell’isola fondata nel XII

Leggi tutto »
Kea sykamia spiaggia 2

Le Spiagge di Kea

Alcune spiagge di Kea sono veramente belle ed ancora abbastanza inesplorate. Generamente, le spiagge dell’isola sono sabbiose ed il mare azzurro e limpido. Non tutte

Leggi tutto »

Dove mangiare a Kea

Negli utlimi venti anni Matt Barrett ha trascorso molto più tempo a Kea che in qualsiasi altra isola greca e quindi conosce molto bene i ristoranti dell’isola!
Quando è sull’isola, la sera molto probabilmente lo troverete da Oinozythestiatoriaon Kalofagadon a mangiare carne alla griglia o al più moderno Kylix Food and Wine nella piazza di Ioulida. Sempre a Ioulida, se cerchi qualcosa di più tradizionale puoi provare Piatza anche solo per un ouzo accompagnato da mezedes.
Se hai voglia di allontanarti un po’, ne vale la pena, prendi un taxi per Giristi e mangia da Perasma, taverna tradizionale dove potrai anche assaggiare del pane fatto in casa.
Nel porto di Korissia devi assolutamente provare To Steki tou stroggili, frequentato sia da locali che dai proprietari di barche ormeggiate nel porto.

 

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Kea

Kea è l’antica Hydrossa, dimora delle ninfe che vivevano vicino alle numerose sorgenti che mantennero l’isola rigogliosa durante i periodi preistorici. Secondo antichissimi miti, queste ninfe furono cacciate dall’isola da un leone feroce e da questo momento l’isola divenne secca e meno fertile, e governata dalla stella Sirio. Gli abitanti si appellarono al semi-dio Aristaios, figlio di Apollo e alla ninfa Kyrini, che salvò l’isola. Il punto più alto dell’isola fu scelto come santuario del dio della pioggia Ikmaios Zeus e da quel momento in poi le cose andarono meglio. Si ritiene che questi miti siano anteriori a quelli degli dei dell’Olimpo.
Un cimitero e un insediamento ritrovati sulla penisola di Kefala tra Otzias e Agias Nikolaos, datati intorno al 3300 aC, sono il primo esempio di sepoltura sistematica in tutto l’Egeo. Un altro insediamento ad Agia Irini risale al terzo millennio e prosperò per 1500 anni. Prima del 2000 aC questo insediamento fu fortificato e l’isola divenne un collegamento tra Creta e Miceneo grazie alle dimensioni ed alla sicurezza del suo porto. La città fu distrutta intorno al 1500 aC e da quel punto l’insediamento di Korissa, l’attuale porto, divenne più importante.

Foto di Kea

Come arrivare a Kea

A Kea si arriva via mare da Lavrion, e non dal Pireo. Il porto di Lavrion si trova a circa mezz’ora di macchina da Atene. Se scegliete l’autobus per questo tragitto, dovrete fare un cambio a a Markopoulo.
Pochi i collegamenti con il resto delle isole Cicladi, anche se più volte alla settimana c’è un traghetto per Kythnos e Syros, dove è poi possibile effettuare dei cambi. Ma da Lavrion sei comunque a due ore e mezza dal Pireo e puoi andare praticamente ovunque.

La mappa di Kea

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.