Donoussa

Delle quattro isole popolate dell’arcipelago delle Piccole Cicladi, l’isola di Donoussa è la seconda più grande. Donoussa è la meno conosciuta e visitata di tutto l’arcipelago. Sull’isola la pace regna sovrana: le auto sono veramente rare, i pochi e tranquilli visitatori arrivano soprattutto in Agosto, mentre per il resto dell’anno.
Donoussa sembra vivere in una realtà parallela, fatta di mare splendido, poche barche, silenzio e tranquillità. Qui il traghetto attracca quattro giorni alla settimana, e le giornate passano tranquille scandite dal rumore delle onde, tra il porticciolo e le splendide spiagge. Sull’isola una delle cose più belle da fare è camminare e fare escursioni, alla scoperta della natura incontaminata. I trasporti locali non sono numerosi, quindi a volte camminare, oltre che un piacere, sarà una necessità. Le spiagge di Donoussa sono paragonabili per bellezza alle spiagge dei Caraibi.
Dei 160 abitanti felici dell’isola, la maggior parte si concentrano nel villaggio di Stavros, villaggio più grande dell’isola. Gli altri villaggi sono Troulos, Messaria, Mersini e Kalataritissa. A Stravos consiglio di visitare la chiesa, la cui festa principale si celebra il 13 e il 14 settembre. Qui si trovano tutti gli alloggi a disposizione dell’isola di Donoussa, che non ammontano a più di 100 posti letto. La spiaggia di Stavros è tra le più conosciute dell’isola, bellissima e ideale per famiglie.

Donoussa da non perdere

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Donoussa

La migliore delle tre taverne a servizio completo sopra la banchina degli yacht è To Meltemi, anche il Capitano George è una buona scelta. Il ristorante interno dell’hotel To Iliovasilema (solo dal 10 maggio al 1 settembre) è probabilmente la soluzione migliore sia per valore che per valore qualità-saggio. I negozi sono pochi e poco forniti. 
Oltre a due spiagge di standard caraibico, circondate da una bellissima vegetazione di tamerici e palme, l’isola è tutta da scoprire a piedi, nella sua natura selvaggia ed incontaminata. Purtroppo non c’è possibilità di affittare motorini, ma c’è il servizio di autobus. I taxi-boat per le spiagge sono affidabili solo a luglio e agosto, quindi prendi in considerazione di raggiungerle camminando.
Il villaggio di Mersini, le cui case sembrano sospese, aggrappate a un ripido pendio, ha una vista bellissima su Amorgos. I polli ruspanti superano di gran lunga le 15 persone residenti, compresi i proprietari delle due taverne – Tzi Tzi e Kori tou Mihali. Entrambe le taverne hanno una vista mozzafiato dalle terrazze, antipasti convenienti ma piatti principali a prezzi incredibili. Uno dei motivi per visitare Mersini è una sorgente che scorre appena sotto, in mezzo a una cospicua oasi di platani, canneti e frutteti. Qui ogni anno, il 17 Settembre, si svolge una festa religiosa, dopo la liturgia nella chiesa di Agia Sofia.

Le spiagge di Donoussa

A circa 25 minuti a piedi a est di Stavros si trova la baia di Kedros, 150 m di sabbia dorata e soffice, amata da naturisti e camperisti, per lo più italiani e greci, ma anche scandinavi e inglesi. A pochi metri dalla riva, a circa metà della baia, in acque poco profonde, si trovano i resti di una nave da guerra tedesca naufragata durante la Seconda Guerra Mondiale. Questa spiaggia è sempre stata amata dai campeggiatori, che qui trovavano la loro perfetta casa. Ricordo che qualche anno fa, in Agosto, contai sulla spiaggia circa 200 tende. Oggi accamparsi in tenda in spiaggia non è più permesso, ma lo si può fare al di là del recinto che separa la spiaggia dalla zona del bar. 
L’unica spiaggia che può rivaleggiare con Kedros, a un’ora di cammino verso est, è la spiaggia di Livádi. La spiaggia di Livadi è leggermente più grande e direi anche più selvaggia, con la stessa sabbia fine e chiara. Qui non ci sono servizi, ma cinque case-barca in disuso occupate da nudisti e campeggiatori che si godono la spiaggia e il mare

I sentieri del trekking a Donoussa

Numerosissimi sono i sentieri di trekking che puoi percorrere a Donoussa, anche se negli ultimi anni sono stati fatti alcuni errori nella costruzione dell’asse viario principale.
Da Stavros, segui la segnaletica rossa e bianca fino alla tangenziale, dove riprende il sentiero, lungo il lato ovest di un burrone. A circa mezz’ora fuori da Stavros il sentiero entra nella traccia più recente, e il percorso vero e proprio riprende dopo 15 minuti appena prima della cima del percorso.  Arrivare a Kalotaritissa, 1 ora e 15 minuti da Stavros, è sicuramente più della metà del divertimento: le sue dieci case e le tre insenature ombreggiate nelle vicinanze non sono affatto convincenti, idem la sua unica taverna costosa; prova a resistere per pranzo fino a raggiungere Mersini.
Per continuare intorno al perimetro dell’isola, verso sud est, seguire la strada sterrata dalla baia più meridionale, per 15 minuti fino a un’oasi con pozzo (acqua potabile, recuperabile con un secchio su una corda) e l’inizio di un sentiero lastricato che sale a Kalotaritissa-Mersini. Dopo alcuni minuti, sulla destra si apre un altro tratto di un antico sentiero, ma purtroppo sei di nuovo costretto a andare sull’asfalto a circa 45 minuti dall’inizio e devi rimanerci per altri 25 minuti per raggiungere Mersíni.
Il sentiero che dai dintorni della sorgente di Mersini scendo fino a Livadi è affascinante ed imperdibile. Il tratto successivo da Livadi a Kedros è più complicato, ma perfettamente fattibile. All’estremità occidentale della spiaggia, segui il sentiero in salita per 10 minuti fino a un muro di pietra, tieni la destra per almeno 20 metri, quindi vira a sinistra sopra la fronte della collina, su quello che diventa rapidamente un meraviglioso percorso a cornice sopra l’Egeo. Presto questo si allarga in una pista che costeggia i ruderi di una cascina, e si avvolge attorno a un canyon per toccare solo la strada asfaltata. Lascialo quasi immediatamente per attraversare un lembo di terra che si tuffa gradualmente verso Kato Mylos, e attraverso un cancello di recinzione si interseca il vecchio sentiero che circumnaviga la costa. Dirigiti a ovest per seguirlo attraverso le teste di due insenature per finire al caffè Kedros in meno di un’ora da Livadi. Tempo per un raki distillato da Naxo (o lo psimeni con erbe e miele nelle stagioni più fredde) e forse un’ultima nuotata prima di fare ritorno in città.
Da Kedros puoi anche camminare per la maggior parte del cammino fino a Mersini senza quasi toccare la strada asfaltata, usando percorsi secondari e tratti delle vecchie strade che non sono state distrutte nel 1998. Segui l’accesso sterrato verso l’entroterra fino alla strada asfaltata, e appena passato il ponte del canale riprende il sentiero – segnalato a meno che qualcuno non abbia abbattuto i cartelli  – per la desolata frazione di Messaria. Questa si raggiunge dopo circa 35 minuti di arrampicata, ma purtroppo il percorso in avanti è stato interrotto e si deve scendere per un po’ sulla strada prima di proseguire verso destra e riprendere il percorso tra la curva del burrone e una fattoria solitaria. Una volta passato un pozzo e un gruppo di alberi, usa le vecchie estensioni del sentiero per evitare di essere spinto sulla strada, forzando la tua scherma in rete metallica, per arrivare al parcheggio dalla cappella di Agia Sofia alla periferia di Mersini circa 40 minuti oltre Messaria. Tutto questo è impostato per essere adeguatamente contrassegnato e ripulito nel prossimo futuro.

Foto di Donoussa

La mappa di Donoussa

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.