Serifos
Serifos


L'isola con la Chora più bella delle Cicladi, lontanissima dal turismo di massa
Prenota Serifos su Booking.com

Senti il bisogno di andare alla scoperta di un’isola greca incontaminata e meravigliosamente selvaggia? L’isola di Serifos, con le sue splendide spiagge, una Chora considerata la più bella delle isole Cicladi, e con pochissimi turisti, potrebbe essere il posto adatto a te! Grazie al fatto che fino a poco tempo fa l’isola non fosse molto frequentata a livello turistico, Serifos ha mantenuto intatto il suo fascino. Serifos ha un paesaggio aspro ed incontaminato: le sue montagne si gettano a picco nelle baie, che racchiudono spiagge molto belle, tra le più belle spiagge della Grecia. Senza considerare la Chora, l’isola è quasi del tutto deserta: ad abitarla i resti delle vecchie imprese minerarie, ormai abbandonate, ed il vento, che qui batte le coste indisturbato. 

Maggiori informazioni su Serifos

Serifos è a circa 4 ore da Atene con il traghetto e ci sono collegamenti giornalieri con Sifnos, Milos e Kythnos.
Nessuno dei miei amici di Sifnos mi aveva detto tutta la verità su Serifos: quando chiedevo informazioni sull’isola, nessuno mi aveva parlato in maniera esplicita della bellezza dell’isola, del suo fascino timido e incontaminato. Ma la prima volta che la visitai, appena scesi dal traghetto, capii subito che a Serifos c’era qualcosa di diverso. Passeggiando per Livadi, il porto di Serifos, venni immediatamente catapultato nell’atmosfera delle isole greche dei primi anni settanta, con i tavoli e le sedie delle taverne di pesce proprio sulla sabbia, a un paio di metri dal mare.

Serifos da non perdere

• Passeggiare nella Chora più bella delle Cicladi
• Andare a Livadi Beach
•Arrivare fino alla Grotta di Polifemo

•Godersi la vista panoramica dal kastro
• Visitare il Monastero di Moni Taxiarchoi
• Vedere la miniera abbandonata di Megalo Livadi

Cosa vedere a Serifos

Ricordatevi che Serifos non è molto sviluppata a livello turistico, come altre isole delle Cicladi. Quindi per alcune cose, come ad esempio prenotare il vostro albergo o noleggiare un’auto o uno scooter, giocate sempre in anticipo. E sappiate che molte strade sono sterrate e, a volte, abbastanza accidentate! Ma questo è anche il bello di un’isola come Serifos! A Serifos la pace regna sovrana, la quotidianità è legata a ritmi antichi e fuori dal tempo, e visitarla è un vero e proprio tuffo nel passato!
La Chora di Serifos è una delle più spettacolari delle Cicladi, arroccata sul fianco di una montagna, affacciata sul grande porto. Il viaggio in macchina dal porto alla chora è di circa 20 minuti di curve a gomito, sul dorso della montagna, ma ne vale veramente la pena. La Chora ti accoglie con il suo labirinto di stradine, che si arrampicano lungo la monagna, ed i suoi mulini a vento! La piazza, chiamata Pano Piatsa, che significa piazza superiore, è veramente accogliente, con il grazioso palazzo del comune, in stile neoclassico, ed popolata dai tavoli di diverse piccole ouzeries e di una taverna, chiamata Zorba, che ne occupa buona parte. Bellissime le piccole chiese, come quella di Agios Ioannis Theologos, scavata nella roccia, e l’altra, con la tipica cupola blu. Interessante anche la chiesa di Agios Athanasios del 17° secolo . Assolutamente da vedere i resti del kastro veneziano, dal quale si può godere di una vista spettacolare.

Continua a leggere

Ma la cosa più bella da fare è arrivare nel punto più in alto della Hora, fino alla Chiesa di Agios Konstantinos, e godere della splendida vista che da qua si ha.
Livadi è invece il porto dell’isola, al centro dell’omonima baia. Il villaggio è molto pittoresco, con stradine labirintiche e numerosi alberi da frutto. Qui ci sono caffè, un paio di negozi turistici, biglietterie per i traghetti, un panificio e persino un piccolo mini-centro commerciale di negozi d’arte e di turisti. E’ molto vedere che il centro della vita sociale di Livadi è lo Yacht Club, una caffetteria-ouzerie dove i pescatori vanno a prendere un caffè al mattino, ai quali si uniscono turisti stranieri e ateniesi per colazione, bevitori di frappè nel pomeriggio, e la sera diventa il luogo dove rilassarsi per ouzo, mezedes, cena e conversazione o semplicemente guardare i traghetti che vanno e vengono sulla loro strada per Sifnos e Milos, o per tornare al Pireo. Lo Yacht Club è arredato con gusto con interessanti oggetti d’antiquariato e ha un patio ombreggiato da alberi. Qui viene servito un ottimo caffè greco in un tradizionale vriki con loukoumia, omelette, insalate, mezedes (antipasti), yogurt con frutta e di sera un’interessante varietà di piatti principali, molti di origine locale.
La strada principale di Livadi è un mix tra architettura tradizionale delle Cicladi e il peggiore esempio di costruzioni in cemento degli anni Settanta. Percorrerla è un ritorno a un’epoca in cui isole come Serifos, Milos e Sifnos non avevano turismo, a quella che in molti chiamerebbero la Grecia “incontaminata”.
Meravigliose le spiagge dell’insenatura: andate a Livadakia, una spiaggia sabbiosa ombreggiata da splendide tamerici e anche un eccellente campeggio.
Livadi Beach è un altro vero e proprio paradiso: abbraccia tutta la baia con la sua sabbia bianca.
Megalo Horio ha una torre ellenistica conosciuta come Aspropirgos o Lefkos Pyrgos (Torre Bianca). Sotto c’è il piccolo villaggio portuale di Megalo Livadi, con un paio di ristoranti e caffetterie. Abbiamo detto che a Serifos c’è stata una lunga tradizione mineraria; qui si estraeva ferro. Molto interessante è, a questo proposito, visitare i vecchi impianti. Alcuni si possono incontrare casualmente, ma vale la pena secondo me andare a vedere quello di Megalo Livadi.
Inoltre, non perdete una delle escursioni più belle da fare sull’isola: sulla strada che da Chora porta a Megalo Livadi, proseguite per il Monastero della Panagia Evangelistria e seguite le indicazioni per i resti archeologici: risalite il sentiero e raggiungerete la grotta di Polifemo. Già, perchè si dice che Serifos sia l’isola dei Ciclopi. la grotta non è più accessibile all’interno. Poco dopo, potrete vedere i resti di un’altra struttura di roccia, chiamata “Trono dei Ciclopi”. Inutile dire che il panorama da qui è esilarante. Un’altra ciliegina sulla torta dell’isola è il Monastero di Moni Taxiarchoi, nei pressi della spiaggia di Platy Gialos, anche questa da non perdere. Nel monastero del 17° secolo potrete ammirare l’affresco degli Arcangeli portato sull’isola da Cipro. Da qui, potete raggiungere anche la spiaggia di Kentarchos, raggiungibile a piedi.

Dove Mangiare a Serifos

Come in tutte le isole Cicladi, anche a Serifos si può facilmente trovare ottimo cibo: cucina semplice ed ottimi ingredienti, pesce fresco, ottimi dolci. Alcune taverne qui hanno un’atmosfera veramente semplice e retrò. Mangiare fa parte dell’esperienza Serifos, un’esperienza a 360 gradi…

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Serifos

Come la maggior parte delle isole della Grecia, l‘isola di Serifos è passata sotto diversi domini ed ha subito gli attacchi dei pirati. Prima sotto Atene, poi Macedoni, Romani, Impero Bizantino, Veneziani, ed infine i Turchi. Ma molto bella è la leggenda legata all’isola: secondo la mitologia, Diana, la figlia di Zeus, arrivo sull’isola con il figlio Perseo in fasce, cacciati dal padre. Ma il re dell’isola si inamorò di Diana, e on essendo corrisposto, mandò Perseo a combattere contro la medusa, sicuro che non ce l’avrebbe fatta e che sarebbe rimasto ucciso. Perseo invece, grazie all’aiuto degli dei, ce la fece ed uscì vincitore.

Storia ed Info su Serifos

Dove Dormire a Serifos

Hotel, appartamenti, ville, camere e alloggi su misura per te sull’isola di Serifos.

Foto di Serifos

Come Arrivare a Serifos

L’isola di Serifos non ha aeroporto. Ma la sua vicinanza da Atene la rende la meta ideale per una fuga.
I traghetti dal Pireo sono abbastanza frequenti, perchè si trova sulla tratta Pireo- Milos, e il viaggio dura circa 4 ore. Ci sono collegamenti giornalieri con Sifnos, Milos e Kythnos. L’isola di Sifnos dista poco più di venti minuti, con l’alta velocità. 

Maggiori informazioni

La Mappa di Serifos

Recensioni sull’isola di Serifos