Balos

Cercate i Caraibi ma non volete allontanarvi dal Mar Mediterraneo? La laguna di Balos è la soluzione!
Un panorama da cartolina con l’acqua talmente cristallina da sembrare trasparente e la sabbia che in alcuni punti sembra di colore rosa.
Balos è una lingua di sabbia che unisce (o divide) il promontorio di Corico da Capo Tigani.
Balos non ha villaggi, paesi, strutture alberghiere (tranne una a qualche km aperta solo d’estate) e d’inverno è completamente deserta.
La laguna si è creata dall’insabbiatura di Capo Tigani (117 mt di altezza) che hanno creato due lingue di sabbia lunghe circa 400 mt.
Anche se non l’avete ancora visitata, sicuramente conoscete Balos, perchè è una delle immagini/cartolina più famose ed utilizzate per promuovere il turismo in Grecia, e non è difficile capire perchè.
Da Kissamos si può raggiungere Balos in macchina. Per accedere in auto alla strada che porta alla laguna bisogna pagare un biglietto, ricordatevi che dal check point in avanti la strada non è molto agevole ed incontrerete probabilmente qualche capra! Arrivati al parcheggio su un promontorio potrete già godere di un panorama incredibile. Lasciata la macchina si prosegue a piedi, circa venti minuti. Il percorso è sterrato e vi consigliamo di indossare almeno delle scarpe da ginnastica (dimenticate le infradito).
Balos si può raggiungere anche in barca da Kissamos, si farà meno fatica ma si perderà un po’ della magia del discendere piano piano dall’alto dell’altura.
La spiaggia è adatta alle famiglie con bambini perchè l’acqua è molto bassa e calda vicino alla riva (poi diventa molto profondo). La sabbia è fatta da mini conchiglie e coralli spezzati che in alcuni tratti la fanno sembrare rosa.
Balos è un buon posto anche per lo snorkeling se volete provare a scoprire come vivono le tartarughe e le foche monache.