Heraklion

Uno dei luoghi più visitati di Heraklion, una specie di mecca per i visitatori, è il mercato. Per raggiungerlo, e per vedere alcuni dei monumenti di interesse storico, devi trovare la strada per la Fontana del Leone del 17° secolo (basta chiedere la Leondaria). Una delle caratteristiche più interessanti di Heraklion è che una volta individuato questo punto di riferimento, tutto ciò che vale la pena vedere in città è a portata di mano (o piedi). I caffè qui sono famosi per le loro bougatsa (torte alla crema). La strada che costeggia la piazzetta presenta un’alta concentrazione di edifici interessanti: la Pinacoteca comunale con alcuni dipinti sorprendentemente belli di artisti cretesi contemporanei (cerca quelli di Thomas Fanourakis) , la famosa Loggia veneziana con la sua elegante facciata e la chiesa di Agios Titos, il santo patrono di Creta. Puoi camminare attraverso la Loggia, un tempo luogo esclusivo dei nobili ora occupata dagli uffici del municipio. Agios Titos assomiglia ancora molto alla moschea in cui i turchi trasformarono l’originale chiesa bizantina-veneziana. Al confine con la piazza si trova Pagopoieion, un’antica ghiacciaia trasformata in un ultramoderno ristorante-bar-caffè-marciapiede Nouvelle Grecque, un luogo piacevole dove sorseggiare un drink. Il cibo è buono e il gabinetto è straordinario, più sontuoso di qualsiasi altro che abbia mai visto ad Atene. Questa parte della città percorsa da strade pedonali è ricca di negozi di Benetton, Zara, Stefanel. Si dice che molti cretesi abbiano molti soldi e gli splendidi negozi di antiquariato ti fanno desiderare di averne molti da spendere. Ci sono anche molti fornitori di souvenir turistici, e la solita sfilza di ristoranti in cui i turisti ordinano insalate greche. Le strade sono affollate di studenti e stranieri (Heraklion ha un’eccellente nuova università!). Questo rende la città vivace, e un po’ turbolenta. Questo è particolarmente evidente sulla strada del mercato. Anche se è lungo solo un isolato, è così interessante che potrei passare ore a studiarlo. Il mercato di Chania è molto più impressionante ma è anche molto più turistico. I venditori di Heraklion hanno fatto solo alcune concessioni agli stranieri, adeguandosi ad alcune miscele di spezie e erbe presenti in tutta Creta. Ma dai un’occhiata più da vicino alle bancarelle di verdure, alle montagne di verdure sconosciute, alcune vendute a più di una bistecca di filetto, le onnipresenti sacche di lumache, i carciofi spinosi e secchi in ammollo, le mandorle, i semi di lupino, da sgranocchiare insieme a un sorso di raki. I macellai vendono costolette, interiora di maiale o agnello (gardoumba), mettono in mostra zoccoli e teste, mentre fuori dai negozi di formaggi sono esposti formaggi di tutti i tipi e enormi ciotole di yogurt.

Matt Barrett a Heraklion

Chiunque mi abbia sentito dire: “Adoro Heraklion!” pensava che stessi scherzando. Infatti, a detta di molti, fino a poco tempo fa la città non era altro che un agglomerato di brutti edifici. E’ una città rumorosa e caotica. L’illustratore e scrittore inglese Edward Lear, quando andò lì per disegnare negli anni 1860, si lamentò nel suo diario, descrivendo Heraklion così: “…nel complesso la città turca più brutta e meno interessante in cui io sia mai stato.” Ma lascia che ti dica perché amo Heraklion. Heraklion è un luogo che cresce dentro di te. Il fatto che non sia mai stata conosciuta per la sua bellezza ha fatto sì che la città abbia sviluppato un fascino diverso, fatto di antiche storie e contrasti. Devi ammettere che in città le testimonianze del periodo veneziano sono sbalorditive. Ad Heraklion non c’è un pittoresco quartiere medievale, ma mentre il traghetto attracca al porto all’ombra della rocca la tua mente viene immediatamente catapultata in un mondo antico, fatto di merci e rotte commerciali sull’Egeo, tra Creta, Egitto e Cipro. Confesso di un amore forse eccessivo per le vecchie pietre. E le mura veneziane che ancora circondano Heraklion quasi intatte mi evocano la commovente storia dell’assedio più lungo della storia. Nel 1648, i turchi – che avevano combattuto i veneziani per il dominio del Mediterraneo orientale per più di trecento anni – avevano già conquistato il resto dell’isola. Chania (allora Canea) e Rethymnon erano caduti facilmente; Candia (dal nome del castello arabo originale, Rabd-al-Khandak) era un’altra storia. Per ventidue anni la città rimase ferma mentre il resto d’Europa trattenne il respiro invece di venire in soccorso. Per avere un’idea di com’era Heraklion allora, ti consiglio di visitare il Museo Storico (sul lungomare, oltre la Rocca) dove è esposto un modello della città nel 1645. Vedrai che grandi distese di campi coltivati e orti dietro la maggior parte delle case avrebbero tenuto a bada sia la carestia che la claustrofobia. Quando la città alla fine si arrese, i turchi lasciarono vivere i sopravvissuti, ma rimasero in carica per altri due secoli e più. Nel 1718, un viaggiatore di nome Tournefort visitò Creta e riferì che “Candia è la carcassa di una grande città, in questo momento, un po’ meglio di un deserto… a parte il mercato. “

Ci sono alcuni motivi per cui amo Heraklion. Una è la gente che vive lì. I cretesi sono amichevoli, esuberanti e più ospitali di tutti gli altri greci che ho incontrato. Questo commento di un certo Bickford-Smith nel 1898 potrebbe ancora essere applicato oggi: “Non solo offrono allo straniero il loro vino più pregiato e il formaggio più buono, ma in montagna il pastore invita il vagabando nel suo piccolo negozio e lo invita a servirsi da solo. ” E infine, adoro Heraklion perché da qui è facile raggiungere le montagne dei dintorni. In soli 30 minuti di auto si trovano innumerevoli borghi in cui la vita contemporanea sembra molto lontana, intriganti rovine minoiche (non invase da tour in pullman), una campagna così bella che non ne avrei mai abbastanza e il cielo più profondo di tutta la Grecia. Ma questa è una storia diversa. Da quando è stato scritto questo pezzo, una nuova passeggiata lungo il porto veneziano e il restauro di diversi splendidi edifici storici hanno abbellito notevolmente il lungomare di Heraklion. Purtroppo, la strada del mercato sta cedendo alla commercializzazione, con gli stessi vecchi negozi di souvenir e vestiti che sostituiscono la maggior parte dei negozi di alimentari tradizionali.

Alla fine della strada del mercato ci sono altre due deliziose fontane, una in marmo turco, l’altra veneziana, decorata con stemmi e una statua senza testa; un piccolo negozio rifornito solo di banane cretesi; e alcune signore anziane con scialli neri che offrono mazzi di erbe e uova. In un vicolo coperto c’è una rosticceria, tipica dei mercati in Grecia, che serve stufati tradizionali economici esposti in modo invitante alla finestra. Se uno spuntino è tutto ciò che desideri, scegli una torta da una delle panetterie nelle vicinanze.
Matt Barrett, ogni volta che si trova a Creta, visita il museo,  la cui collezione minoica è una delle meraviglie del mondo, e non smette mai di meravigliarsi della straordinaria finezza e grazia di quella straordinaria civiltà. Tutti visitano il museo di Heraklion.
Dall’altra parte della grande piazza c’è un altro dei posti preferiti di Matt Barrett, meno noto: un giardino botanico in miniatura, con alcuni alberi meravigliosi. All’inizio della primavera il giardino è invaso da fiori d’arancio, in seguito i giacinti blu lo arricchiscono di quel tocco magico di viola. Accanto a questa oasi c’è un angolo della vecchia Heraklion, con case in legno a uno o due piani, alcune ora convertite in ouzeris / rakadika, dove spesso si trascorrono le serate con amici. Questo quartiere è parallelo alle mura veneziane, le cui pietre in primavera sono ricoperte da ciuffi di margherite dilaganti. Puoi percorrere il circuito di 4 chilometri, che ha impiegato cento anni per essere completato e incorpora molte pietre di Cnosso. Sul bastione di Martinengo si trova la semplice tomba del più famoso scrittore di Creta, Nikos Kazantzakis; fu seppellito fuori dal terreno consacrato perché le sue convinzioni non ortodosse offendevano la Chiesa. Una città così può portare alla luce alcuni strani luoghi: un piccolol negozio di scarpe che vende la migliore graviera mai provata, un negozio di elettricisti che mimetizza una bella cantina a volta veneziana, una facciata turca con archi ogivali sfavillanti o un balcone in legno anatolico chiuso.