Karpathos

Nella parte sud-orientale della Grecia, esiste un piccolo paradiso, un’isola unica, che combina un ambiente naturale puro con un’autentica tradizione persa nei secoli. Stiamo parlando dell’isola di Karpathos. Karpathos si trova nel sud del Mar Egeo, tra Creta e Rodi. È la seconda isola più grande del Dodecaneso, dopo Rodi, e non si è ancora arresa al turismo di massa e quindi conserva ancora una bellezza autentica e naturale. Karpathos è anche il paradiso dei surfisti grazie al Meltemi, che soffia forte su molte delle sue indimenticabili spiagge. 

Karpathos da non perdere

Cosa vedere a Karpathos

Karpathos ha 160 km di costa con innumerevoli spiagge, alcune organizzate e altre che sono per coloro che cercano la solitudine. I dodici villaggi di Karpathos sono arroccati sui fianchi delle montagne e altri sul mare. I caffè e le vivaci taverne dei piccoli villaggi offrono un’ospitalità autentica e piatti tipici. Le chiese paleocristiane e bizantine sono sparse in tutta l’isola. I paesaggi mozzafiato che differiscono da una regione all’altra di Karpathos sono impressionanti. Grazie alla posizione remota dell’isola nel Mar Egeo, gli abitanti di Karpathos hanno mantenuto e mantengono tutt’oggi, con rispetto e orgoglio, le abitudini e le tradizioni dei loro antenati. Le tradizioni si respirano nella loro vita quotidiana, rimanendo impresse nelle menti dei visitatori. Le feste di Karpathos sono le più famose e genuine, dominate da musica tradizionale e danze locali e cibo tradizionale. Con diverse spiagge con acque calme, Karpathos soddisferà anche i viaggiatori più esigenti. Pianifica escursioni giornaliere in tutta l’isola e scopri splendide spiagge che vanno dall’isolamento o dall’organizzazione, sabbia o ciottoli, ma sempre con il mare color smeraldo. Diakoftis, Lefkos e Apella sono considerate le spiagge più famose dell’isola di Karpathos, con quest’ultima votata due volte come la migliore spiaggia d’Europa!

La città portuale di Pigadia è la capitale dell’isola e ha hotel, ristoranti e caffè su un lungomare attivo. Questo era il sito di una delle antiche città di Karpathos, Poseidio o Posi, in onore del dio del mare, Poseidone. Ci sono ancora parti dell’antica acropoli e le mura ciclopiche che lo proteggevano. Oggi la città di Pigadia ha tutti i comfort di una capitale per i suoi residenti e visitatori. I caffè e i ristoranti, che si trovano vicino al mare, offrono l’opportunità di gustare una cucina unica, con vista sulle barche da pesca. Non così lontano dal centro ci sono spiagge come la spiaggia infinita Vronti, Kyra Panagia, Agios Nikolaos e Ammoopi, situato a 6,5 km a sud. Vi consigliamo di visitare i resti di una chiesa paleocristiana di Agia Fotini ad Afoti, vicino al mare che, secondo gli storici, è costruita sulle rovine del santuario dei Dioscuri. È inoltre possibile visitare la cappella di Agia Kyriaki, che si trova a 2,5 km a sud-ovest e offre una vista spettacolare sul mare e sulla foresta verde. Ogni mattina dal porto di Pigadia partono piccole barche da escursione che vanno a spiagge uniche come Kato Lakos, Kyra Panagia, Apella, Chai) e a Diafani, dove si visita il villaggio di Olympos.

Cosa mangiare a Karpathos

A Karpathos puoi trovare numerosi ristoranti per assaggiare l’ottimo cibo locale.
Tra i piatti locali diverse specialità per chi ama i dolci: koulouvotes, deliziose ciambelline con sesamo all’uovo, lealevria, ciambelline con miele e burro, sisamomelidolce a base di sesamo e miele servito ai matrimoni o le baklavas.
Se invece preferite il salato da provare la hortopita, una pita riepiena di verdure a foglia verde e erbe, makarouna, una pasta cucinata alla grecala kolokythoupoulia, il vizanti, l’agnello farcito nel forno a legno, le myzithropites, pite fritte riepiene di formaggio.
L’isola ha una buona produzione di uva e vino, olio, formaggio, miele, agrumi e mele cotogne.
Nella capitale Pigadia fermatevi per un ottimo pranzo tradizionale da Maxim Taverna
Ad Olympos stop d’obbligo alla Drosia Taverna per assaggiare il formaggio e la carne locale.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Karpathos

In antichità, il contatto con l’isola di Creta fu decisivo per lo sviluppo della civiltà dell’isola di Karpathos.
Pigadia fu la dimora di coloni provenienti da Creta.
Nella metà del I secolo d.C., L’ isola fu abitata dai romani sotto il regno dell’imperatore Diocleziano, ed appartenne all’Impero Romano d’Oriente. Nel corso del V secolo dopo Cristo, Karpathos subì incursioni da parte di arabi, saraceni e non solo. Fu così che si crearono i villaggi sulle montagne. Dopo i genovesi vennero i veneziani. Nel 1311 i Cavalieri di Rodi finalmente conquistarono l’isola, che apparteneva al veneziano Andrea Kornarnos, fino al 1315, quando il sovrano la riconquistò.

Foto di Karpathos

Come arrivare a Karpathos

Volare a Karpathos da Atene è facile. Sky Express, Aegean e Olympic Airways volano qui da Atene e ci sono anche voli internazionali dall’Europa. Karpathos ha collegamenti in traghetto con il Pireo, Rodi, Creta, Mykonos, Santorini, Naxos e altre isole del Dodecaneso. Ci sono solo un paio di traghetti a settimana dal Pireo e forse uno o due a settimana da Rodi, Creta, Santorini, Milos, Kassos, Halki, Paros e Naxos.

Mappa di Karpathos

La Mappa di Karpathos

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.