Chios

Situata di fronte alla costa est della Turchia, Chios è un’isola dell’Egeo Orientale, il cui capoluogo è un importante porto. Da sempre conosciuta per l’esportazione della mastiha, ma anche per la produzione di fichi, di vino e di olio, Chios è un’isola da sogno, tutta da scoprire, ricca di spiagge bellissime, sentieri da esplorare, e con una ricca storia. Chios non è un’isola turistica. Chios è tradizionale ma anche industriale, popolosa e rumorosa, viva ed affascinante. La ciliegina sulla torta, per l’isola di Chios, è la sua gente: amabile ed orgogliosa, saprà accoglierti alla scoperta della sua incantevole terra. Per molti versi simile alla vicina isola di Lesbo, Chios è una di quelle isole che necessita di almeno una settimana per essere esplorata davvero. Ma, una volta capita, non vorrai più andartene.

Chios da non perdere

Cosa vedere a Chios

Le spiagge di Chios sono tutte magnifiche, ma la notizia più bella è che la maggior parte di esse sono tendenzialmente vuote e poco frequentate, anche in alta stagione. Quindi potrai goderti davvero il mare dell’Egeo senza nessun problema, soprattutto lungo la costa ovest ed a sud del villaggio di Pyrgi. Le più conosciute sono la spiaggia di Karfas e la spiaggia di Megalo Limnionas.
La zona più particolare di Chios è l’area conosciuta come Mastikahoria, 24 villaggi medievali fortificati costruiti per proteggere le piantagioni di Lentisco, albero dalle cui preziosissime gocce veniva prodotto la mastiha. La mastiha, la resina dell’albero del Lentisco, che su Chios cresce in una delle sue più rare e pregiate qualità, ha contribuito enormemente allo sviluppo economico e sociale dell’isola di Chios, fin dall’antichità. Il prodotto naturale è stato utilizzato fin da sempre ed ha in generale moltissime qualità e usi, sia in medicina che in cosmesi, grazie alle sue proprietà antibatteriche ed antisettiche. Ippocrate stesso ne consigliava l’uso, e per la mastica furono fatte vere e proprie guerre a Chios. Le città fortificate di questa zona sembrano rimaste sospese nel Medioevo, anche se, naturalmente, si sono attrezzate ed oggi è possibile soggiornare in camere con aria condizionata e comfort di ultima generazione. La cosa più interessante è che questi borghi stanno introducendo l‘ecoturismo sull’isola, una parte importante del futuro del turismo greco. Uno dei maggiori centri della produzione della mastiha è il villaggio di Pyrgi, dove è stato fondato anche un museo dedicato alla sua produzione, il Museo della Mastiha, che si affaccia direttamente su una piantagione. Il villaggio è pittoresco, con una bellissima architettura, le antiche facciate delle case sono decorate con mosaici bianchi e neri e le abitazioni sono tutte contornate da pomodori secchi, che vengono usati, come i peperoncini, per tenere lontana la sfortuna. A Pyrgi, mentre il Museo della Mastiha è multimediale e modernissimo, l’acqua corrente in casa è ancora un’utopia. Qui puoi trovare davvero ogni tipo di prodotto creato con la rinomata resina, dalle creme cosmetiche ai dolci, ai liquori. Pirgy è ricchissima di chiese, tra le quali da non perdere la Chiesa dei Santi Apostoli, una chiesa bizantina del XIII°- XIV° secolo, con bellissimi affreschi. Un’idea per soggiornare vicino a questa zona e vicino al mare può essere il villaggio di Emporios, porticciolo tranquillo sulla cui rotta incontrerai splendide spiagge.

Dove mangiare a Chios

Poichè Chios non ha ancora subito l’ondata di turismo estero come altre isole, la qualità dei ristoranti qui è molto alta
Inoltre Chios è un’isola quasi del tutto indipendente per quanto riguarda i prodotti agricoli quindi frutta e verdura (ma anche la carne) sono sempre locali!
La cucina di Chios assomiglia a quella di Lesbo e anche la qualità!
Nella città di Chios, dove arrivano i traghetti, potete provare Tsivaeri Ouzeri dove potrete assaggiare un piatto tipico chiamato atherina, piccoli pescetti fritti con farina e cipolle serviti come piccoli pancake. 
Un altro buon posto sempre a Chios città è Palio Petrino, dove potrete sorseggiare un ouzo sul porto e degustare alcuni piatti tradizionali dell’isola e del buon pesce.
Sempre per un ouzo e delle mezedes cercate l’Ouzerie Akropol o Agora.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Chios

L’isola fu abitata sin dal Neolitico, e ne sono state trovate testimonianze a Spilaio, nel nord di Chios. Prove di civiltà durante il periodo proto-ellenico sono state trovate a Emboreo. Manufatti micenei sono stati trovati a Fana e nella città di Chios. La mitologia dice che il primo colono di Chios fu Oinopionas di Creta, il nipote del re Minosse che insegnava agli abitanti l’arte della vinificazione. Il nome Chios apparentemente proviene da sua figlia Chiona, anche se potrebbe essere anche dalla parola fenicia per mastica. Il primo re di Chio fu Anfizio di Evia. Successivamente l’isola fu colonizzata dai greci ionici della costa dell’Asia Minore. Nel VII secolo aC l’isola era una potenza importante. Presumibilmente Omero è nato a Chios e i suoi studenti hanno diffuso la poesia epica omerica in tutto il mondo greco antico. Nel 6° secolo vi era una scuola di scultura sull’isola e l’antico tempio di Phanios Apollo vicino a Fana, nel sud di Chios. La prima democrazia del mondo antico, la Grande Alleanza (Megali Ritra) fu fondata nel 600 aC su Chios e si ritiene che Solone abbia basato le sue riforme per Atene su di esso. Ciò portò ad un periodo di pace e prosperità per i Chioti che furono definiti da Tucidide il popolo più ricco della Grecia. Sebbene Chios non abbia stabilito colonie come hanno fatto altre città greche, hanno creato una serie di postazioni commerciali nel mondo antico. Anche nei tempi antichi la mstica veniva scambiata, per il suo uso nelle medicine.

Foto di Chios

Come arrivare a Chios

Chios ha un aeroporto con diversi voli giornalieri da e per Atene con Aegean Airways.
C’è almeno un traghetto al giorno dal Pireo a Chios. Quasi tutti i giorni i traghetti lasciano il Pireo verso le 18:00 e arrivano a Chios alle ore 4 del mattino, troppo presto per fare il check-in al tuo hotel e troppo tardi per sprecare denaro pagando una notte intera. Ma se arrivi, ci sono caffè e ristoranti aperti anche a quell’ora. Fare collegamenti in traghetto con qualsiasi isola eccetto Lesbo può essere complicato.
Le barche per Chios e Lesbo sono moderne e molto carine, a parte un paio. Scegli Blue Star e Hellenic Seaways se puoi. Ci sono anche battelli giornalieri per la Turchia e la piccola isola di Innousses.
Chios ha un servizio di autobus che ti può portare praticamente ovunque tu voglia andare e se hai bisogno di avvicinarti ci sono i taxi. Ma io consiglio, per comodità, di noleggiare un’auto.

La mappa di Chios

Traghetti da e per la Grecia e le isole greche

Torva le migliori soluzioni ed offerte per il tuo viaggio in Grecia in traghetto: in nave dal porto del Pireo alle isole greche

Autonoleggio in Grecia. Affitta un'auto sulle isole greche

Noleggia un'auto per il tuo soggiorno in Grecia: Atene ed isole greche comprese

Voli per la Grecia e le isole greche

Dall'Italia ci sono tariffe speciali per volare in Grecia. Milano, Roma, Napoli offrono voli low cost su Atene, e le isole.