Ikaria


Ikaria, l'isola indipendentista e libera
Prenota Ikaria su Booking.com

Hai sentito parlare dell’isola in cui le persone vivono fino a 100 anni? Questa isola è Ikaria. Che si tratti della loro alimentazione, del loro stile di vita o del fatto che la loro isola è incontaminata, chi lo sa? L’isola di Ikaria è piuttosto aspra e selvaggia, priva di ciò che la maggior parte dei turisti in Grecia desidera, spiagge scintillanti, una vita notturna vivace e moderna e una cucina speciale… eppure è un’isola amata in tutto il mondo! Se stai cercando un’isola non turistica, Ikaria potrebbe fare proprio al caso tuo… 

Maggiori informazioni su Ikaria

L’isola di Ikaria è situata nell’Egeo centro orientale, con una costa di 255km. Il suo territorio è prevalentemente montuoso e aspro. La natura di Ikaria è sorprendentemente selvaggia ed indisciplinata. La leggenda narra che Icaro, volando, cadde proprio su quest’isola, che sambra chiamarsi così in suo onore. Avendo viaggiato in lungo e in largo per la Grecia per lavoro e per piacere, non mi sono mai sentito così sedotto dalla  bizzarria di un luogo, un’isola nella quale il fascino è profondo e mai ovvio,  dove l’energia è vibrante e colpisce profondamente, tanto da rimanerne frastornati. Ikaria non ha nulla a che vedere con le isole vicine: naturalmente abbondante, archeologicamente ricco e turistico, Samos ad est, costoso e sfarzoso Mykonos ad ovest, Chios storico e colto, mastodontico, a nord e Patmos brullo, religioso e elegante a sud. Durante i giorni che ho passato lì (che a volte, senza sforzo, sono diventati settimane, non potendo allontanarci), sono stato costantemente catturato dai paesaggi aspri e verdeggianti dell’isola, dalla pletora di fiumi, cascate, gole, giganteschi Neolitici- massi di stile arroccati in cima a colline, fresche acque turchesi e una serie infinita di meravigliosi tramonti che trasformano la vista del mare e del cielo in una splendida tela impressionista.

Ikaria da non perdere

• Le numerose panygiria

• Le Terme di Asclepious

Cosa vedere Ikaria

Forse la cosa che dà ricchezza all’isola è lo spirito dei suoi abitanti, indipendenti e combattivi. Il loro carattere potrebbe essere descritto un po’anarchico, come dimostra la storia dell’isola. Pensate che, nel villaggio di Christos, una stazione di polizia costruita decenni fa è rimasta inutilizzata, dopo che gli abitanti del villaggio hanno convenuto di poter mantenere perfettamente l’ordine pubblico da soli, grazie. Gli Ikarioti sono un popolo straordinariamente autosufficiente. Molti di loro lavorano come pastori, la maggior parte degli uomini e delle donne coltivano il proprio orto, o lavorano come pescatori nei villaggi costieri, gestiscono negozi, alloggi o taverne.  Il lavoro all’aria aperta potrebbe essere uno dei motivi della loro longevità.
A Ikaria lo status quo intrinseco e tacito è quello di seguire il proprio orologio, basato sul proprio ritmo naturale anziché su uno forzato o forzato. I proprietari dei negozi in molti villaggi sono noti per essere aperti per lavoro nelle ore che possono – che di solito è la sera, dopo che gli altri compiti del giorno sono stati completati – e rimangono aperti fino a dopo la mezzanotte. La sera a Ikaria le piazze dei villaggi sono in fermento con persone che riconoscono l’importanza di rilassarsi con gli amici, la famiglia e i vicini per il cibo e le bevande. In questo e in altri modi, gli Ikariani sembrano ridere di fronte alla moderna vita occidentale, la corsa avida attraverso il tempo, la perdita dell’identità personale attraverso la dipendenza tecnologica, la globalizzazione e gli stili di vita omogeneizzati, un consumismo doloroso o un materialismo vacuo. Ikaria è il posto giusto per te se vuoi comprare verdure biologiche, provare prodotti assolutamente etici, fare yoga, prendere lezioni di greco, conoscere comunità di auto aiuto di donne….

L’isola è inoltre famosa a livello mondiale per la sua tradizione di panygiria, o festival. Tra maggio e ottobre, l’isola è famosa per ospitarne da due a sette a settimana.

Il capoluogo, che è anche il porto dell’isola, è il villaggio di Agios Kirikos. . Agios Kirikos è una cittadina tradizionale con case bianche e le tipiche stradine strette e labirintiche. Qui si trovano le Terme di Asclepious, famose per le loro proprietà curative. Da visitare anche il Castello di Koshina, l’Odeon di Oenoe, ed alcuni interessanti musei.

Continua a leggere
La parte a nord ovest dell’isola è ricca di antichi templi. Recatevi a Nas, dove potrete ammirare il Tempio di Artemide vicino alla spiaggia di Nas. Nas è una spiaggia per nudisti, un po ‘hippie, (a circa 5 km da Armenistis, una famosa spiaggia per surfisti e una delle zone più frequentate per gli alloggi con alcuni incantevoli hotel sul mare), è famosa anche per il fiume verde smeraldo circondato da una splendida vegetazione che conduce verso il mare. Sopra la spiaggia ci sono diverse taverne che offrono cibo delizioso e incantevoli viste sul mare e sul tramonto. La più famosa dell’isola è però Seychelles, circa 25 km a sud-ovest di Agios Kirikos, è un’idilliaca baia di sabbia bianca e ciottoli con acque azzurre cristalline, con spettacolari scogliere calcaree su entrambi i lati. Avrai bisogno di camminare per circa 15 minuti dalla strada dove parcheggi la tua auto per arrivarci, e portare con te acqua e snack. Evitala ad agosto perché diventa molto affollato.

Dove Mangiare a Ikaria

L’isola produce olio d’oliva, vino e miele di alta qualità, ma anche frutta e verdura. In particolare la varietà di melone bianco (“reiki”).  Il delizioso formaggio locale Kathoura, che è molto simile alla mozzarella nel suo colore, consistenza e sapore, accompagna quasi ogni pasto locale, ed è anche usato come ripieno per verdure o carne.

Storia, informazioni utili ed i consigli di Matt Barrett su Ikaria

Durante la tumultuosa Guerra civile in Grecia (1946-49), che seguì direttamente dalla seconda guerra mondiale, Ikaria divenne la patria di circa 13.000 esuli comunisti, tra cui molti prodigi poeti, scrittori, compositori e accademici greci – che vissero sull’isola per diversi anni . La presenza comunista diede a Ikaria il nome di “roccia rossa” (poiché l’isola è praticamente come una montagna che emerge dal mare) e si dice che abbia tramandato al suo popolo un’identità locale libera, individualista e umilmente creativa. In molte parti dell’isola la natura è meravigliosamente indisciplinata e vivacemente orgiastica, e questo è probabilmente uno dei suoi più grandi attributi; ma in sostanza, ciò che distingue Ikaria tra le altre destinazioni in Grecia sono i suoi abitanti davvero unici, che hanno effettivamente creato un mondo a parte.Il carattere indipendente del suo popolo  fu chiaramente esposta quando Ikaria esistette come stato indipendente per circa sette mesi nel 1912. Quando l’isola si liberò dal dominio ottomano, non fu immediatamente riassorbita in Grecia perché quest’ultima era profondamente coinvolta nelle guerre dei Balcani. Il trattato che l’isola ha firmato quando si è ricongiunto nel resto della Grecia è scaduto nel 2012, e all’epoca molti locali e giovani hanno fatto una campagna per l’opportunità di riconquistare la propria indipendenza. Un gruppo su Facebook di quasi 900 persone per quella causa, ha scritto: “Facciamo un’altra rivoluzione Ikarian! Liberiamoci dalla Grecia! Vogliamo la libertà !!! “.

Storia ed Info su Ikaria

Dove Dormire a Ikaria

Hotel, appartamenti, ville, camere e alloggi su misura per te sull’isola di Ikaria

Foto di Ikaria

Come Arrivare a Ikaria

L’isola è dotata di un aeroporto, con voli per Atene.
Con il traghetto invece i viaggi dal Pireo sono due giorni a settimana, in un viaggio che fa tappa anche su altre isola e che dura 8 ore.

Maggiori informazioni

La Mappa di Ikaria

Recensioni sull’isola di Ikaria