La Grecia ai tempi del Covid: presente e futuro di un nuovo ed inaspettato modo di viaggiare

Anno strano quello che stiamo vivendo, estate inattesa quella appena trascorsa. La pandemia del Covid-19 ha cambiato molte cose, ha cambiato noi e il nostro modo di viaggiare e sono ancora tante le incognite per i prossimi mesi e per l’estate che verrà. Ma non dobbiamo scoraggiarci, anzi! La nostra passione per la Grecia è così forte da farci credere che tutto andrà bene e siamo sicuri che continueremo a sognarla e a viverla. Ma come è andata l’estate nel paese ellenico? E quali sono le proiezioni per il futuro?

L’impegno durante la pandemia, la Grecia, rapida e tenace.

Sin dall’inizio il paese ellenico è stato in grado di affrontare questa crisi sanitaria in modo esemplare, gli sforzi fatti della Grecia sono stati tanti e l’impegno e la determinazione del popolo greco semplicemente lodevoli. Un’impresa titanica quella coordinata della Grecia che, nonostante le difficoltà economiche che da ormai diversi anni colpiscono il paese, le ha permesso di resistere e di andare avanti.

La tenacia della Grecia nell'affrontare la pandemia
La tenacia della Grecia nell’affrontare la pandemia

Il turismo, settore trainante dell’economia del paese, è stato castigato duramente da questa pandemia, gli stessi greci affermano che saranno necessari diversi anni per una significativa ripresa finanziaria e questo perché se alla Grecia le togli il turismo, le togli il pane. Isole come Milos o Santorini o certe zone della parte continentale come l’Epiro o il Peloponneso hanno ospitato la metà dei viaggiatori abituali. Il flusso turistico è stato debolissimo rispetto al solito, un vero e proprio incubo per l’economia di tutto il paese. La Grecia si è disperata, ha sofferto, ma una fotografia dell’estate appena terminata ci rivela come il paese delle mille isole abbia saputo comunque reagire; con tenacia e prontezza è riuscita a controllare la situazione epidemiologica efficacemente, arginando sensibilmente la diffusione dei casi di Covid-19.  

La Grecia è stata forte, caparbia e coraggiosa, ha insistito nel fomentare il turismo promettendo al viaggiatore responsabilità e sicurezza. È vero, i numeri durante la stagione estiva sono stati deludenti ma la l’impegno e la rapidità nella gestione della pandemia hanno premiato un paese già in difficoltà e compromesso da anni di crisi.

La Grecia, una meta sicura
La Grecia, una meta sicura

Com’è andata l’estate? Analisi di una stagione marcata dall’imprevisto.

Cerchiamo quindi di  fare il punto della situazione a stagione estiva ormai conclusa per capire come si è comportata la Grecia nei confronti di questa pandemia provocata dal Covid-19 e capace di far tremare il mondo intero. Che misure di sicurezza sono state adottate? Cos’è cambiato per il viaggiatore?

Un nuovo modo di viaggiare
Un nuovo modo di viaggiare

L’estate appena trascorsa è stata strana, un po’ perché nessuno si aspettava un’evoluzione pandemica di questo tipo, un po’ perché ci si è dovuti confrontare con insolite norme applicate ai viaggi, disposizioni impreviste ma necessarie per garantire la sicurezza del viaggiatore . Moduli, tamponi e distanziamento sociale hanno fatto da protagonisti sulle linee di navigazione internazionali e domestiche ma anche sulle tratte aeree che collegano la Grecia al resto del mondo. In tutto il territorio greco i disagi non sono stati pochi, diverse misure restrittive sono state imposte sulle isole più frequentate quali Paros, Mykonos, Corfù, Santorini, Rodi, Antiparos, Zante, Kos, Creta e Lesbos con il fine di salvaguardare la salute dei viaggiatori. Forti restrizioni sono state imposte anche in altre zone fra cui Atene, Calcidica, Salonicco, Larissa, Tracia, Macedonia centrale e orientale. Sin dall’inizio sono stati controllati i valichi di frontiera con Bulgaria e Albania e sono state applicate norme di entrata per i viaggiatori provenienti da diversi paesi per frenare l’importazione dei contagi. Sono poi stati cancellati più o meno improvvisamente eventi pubblici, concerti e fiere con il fine di contrastare la diffusione del virus. 

Anche il settore alberghiero si è dovuto prontamente adeguare alle recenti disposizioni sanitarie stilate dal Ministero del Turismo greco per contenere la tramissione del Covid-19, nuove e rigorose regole pensate per salvaguardare la salute dei viaggiatori. Pure sui trasporti pubblici come autobus e treni sono stati adottati nuovi provvedimenti per limitare l’effetto della pandemia, tra questi, l’uso obbligatorio della mascherina, la distanza sociale e l’osservazione delle norme igieniche.

Una stagione diversa, inaspettata,  ma non per questo sciagurata; chi ha avuto modo di viaggiare nella terra degli Dei tra la primavera e l’estate, afferma di aver respirato un clima rilassato e calmo, merito dell’andamento della situazione epidemiologica e degli elementi distintivi del paese.  La tranquillità della Grecia, le sue bellezze, i chilometri di spiagge e la sua eccellenza culinaria hanno saputo offrire al turista un ottimo approdo, sicuro e prezioso, dove poter rilassarsi in tutta sicurezza.

E le previsioni per il futuro?

Vista la stagione appena conclusa ci potremmo azzardare nel dire che l’estate che verrà sarà sicuramente migliore soprattutto per quello che riguarda il flusso turistico. Da una parte c’è la convinzione che questo virus potrà essere sconfitto, dall’altra pensiamo che se l’emergenza sanitaria dovesse continuare, la Grecia saprà comportarsi in maniera esemplare come ha saputo dimostrare sino ad ora. I viaggiatori, nel bene o nel male, avranno maturato più esperienza in merito alle norme di sicurezza, saranno più consapevoli della situazione e potranno cavalcare sapientemente gli imprevisti che il viaggio potrebbe celare. Le strutture turistiche, i locali e i mezzi di trasporto saranno ancora più organizzati ed efficienti al fine di poter garantire la sicurezza del turista durante tutto il soggiorno. 

Relax sulla spiaggia
Relax sulla spiaggia

Il futuro è imprevedibile, si sa, ma se la Grecia saprà ripetere gli sforzi fatti e sarà capace di agire tempestivamente come ha fatto fino ad ora, sarà anche in grado di risplendere e di recuperare ciò che ha perso. Anche quest’anno la Grecia ha accolto i viaggiatori di tutto il mondo, l’ha fatto in maniera audace e sicura, abbracciando il turista com’è solita fare. Ed è proprio questa la sfida più grande per il futuro, continuare ad offrirci quell’abbraccio capace di proteggerci ed in grado di farci emozionare. E siamo sicuri che ce la farà senza problemi perché questo, per la Grecia, è estremamente naturale.

Grazie Grecia!
Grazie Grecia!

Share:

Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on linkedin

Dal Blog di Greciare

Syros, la Signora dell’Egeo

Per chi vive nelle Cicladi Syros di solito è sinonimo di grattacapi, infatti l’isola è la Capitale amministrativa dell’arcipelago e quando qualcuno ti dice ‘Vado